Rosso: il colore della passione.

Il rosso è collegato alle passioni come l’amore  ma è anche il colore  del coraggio, dell’aggressività, della forza, dell’istinto, del desiderio.

Comunque sia, l’attrazione per il rosso è forte come risulta  forte l’effetto che ne scaturisce da ogni stile con questo colore come  protagonista.

 

 

Utilizzato fin dall’antichità per dipingere, lo troviamo su pareti ed elementi d’arredo del passato. Il rosso era infatti una tonalità facilmente realizzabile a partire da pigmenti puri di origine naturale che inizialmente venivano utilizzati, in vaire sfumature,  per la tintura dei tessuti.

Chi indossava tessuti di colore rosso apparteneva ad una classe privilegiata della società. Ugualmente, oggi, il rosso si associa ad eventi di una certa importanza, come ad esempio i confetti per una laurea. Nella domus romana era il colore prevalente, esempio di stile per tutte le altre abitazioni, insieme alla casa pompeiana. Proprio da qui deriva il termine “rosso pompeiano”, tipo di tinta ottenuta dall’ematite.

Le tonalità ottenibili miscelando il colore puro con altri sono: rosso vermiglio, rosso carminio, rosso geranio e così via. Aggiungendo un po’ di giallo, invece, ricaviamo un rosso tendente all’arancio.

Le regole dei colori vengono dettate dalla cromoterapia che ne studia gli aspetti positivi e negativi. Il rosso li possiede entrambe: da una parte richiama l’amore e la passione, dall’altra ci trasmette ira ed agitazione. Una sorta di yin e yang, il bene ed il male.

Possiamo scegliere il rosso per le pareti,  colorando la principale e lasciando le atre bianche; ma possiamo renderlo protagonista utilizzandolo anche per quanto riguarda gli arredi e vari  complementi d’arredo. Tipica è la cucina con pensili  sia lucidi che opachi in rosso, con il piano lavoro bianco o acciaio per rendere il tutto ancora più moderno.

Non dimentichiamo che il rosso è il colore per eccellenza per gli addobbi natalizi, quindi si a tovaglie, tovaglioli e piatti di questo colore da sfoggiare nelle occasioni più adatte.

Insomma, c’è da sbizzarrirsi . Unica regola:  attivare la fantasia !

 

 

Condividi su...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento